lunedì 29 maggio 2017

Cipolla al forno con pomodori e capperi

Buongiorno! Tutto bene? Avete caldo? Io un pochino, ma non mi lamento, preferisco il caldo al freddo 😉
Vista l'ora passiamo subito alla ricetta, e già perchè oggi Light and Tasty si occupa di cipolle.
Le cipolle variano sia nella  forma che nel colore, ma le tipologie più comuni sono quelle bianche, dorate e rosse. Il sapore può variare dal delicato e dolce al tagliente e avvolgente, a seconda della varietà e della stagione, vengono comunemente usate per aromatizzare molte ricette e possono essere consumate cotte, bollite, grigliate, fritte, arrosto oppure crude.
Le cipolle sono ipocaloriche infatti sono composte per quasi il 90 % di acqua, contengono fibra, sono antiossidanti, contengono vitamina C e composti dello zolfo, principalmente solfuri e polisolfuri, che possono avere effetti protettivi contro il cancro, inibire la crescita di microrganismi nocivi e prevenire la formazione di coaguli di sangue.
In casa mia nessuno è amante della cipolla, per cui sarò sincera...questa volta mi è venuta in soccorso mia sorella 😉 e ho così preparato una teglia di cipolla a rondelle con pomodori e capperi per la sua cena. 
Da non amante della cipolla mi sono ritenuta soddisfatta e anche mia sorella e mio cognato hanno apprezzato molto 😋

sabato 27 maggio 2017

La mia Salade Andalouse di Escoffier per il Club del 27

Eccoci all'appuntamento mensile del Club del 27.
Il nostro gruppo di amiche a cui piace cucinare è diventato numeroso, siamo ormai arrivate a quota 90!
Questo mese parliamo di "Un ventaglio di insalate" e, in questo post, troverete le nostre insalate, non perdetevele perchè sono tutte, ma proprio tutte, stuzzicanti e meravigliose!
Con l'estate alle porte e le belle giornate che ci consentono di stare più tempo all'aria aperta e di spegnere i fornelli, l'insalata diventerà il piatto principale di molte di noi, per cui.... via alle idee per portarle in tavola. 
Per me estate equivale a riso freddo, tanta verdura e frutta, ecco che, quando ho letto l'elenco delle ricette di questo mese, non ho potuta fare a meno di scegliere questa insalata di Escoffier con il riso proposta da Eleonora.
Ma chi è Escoffier?
Vissuto in pieno Liberty, August Escoffier iniziò a lavorare all'età di 13 anni presso il ristorante di uno zio a Nizza ed è il grande innovatore della cucina, infatti egli inventa dei nuovi piatti ai quali dà il nome delle attrici più applaudite, come la celeberrima Pesca Melba (preparata con gelato alla vaniglia, pesche sciroppate e purea di lamponi) dedicata alla famosissima cantante lirica australiana Nellie Melba.
Escoffier è il padre delle salse e semplifica tutte le ricette laboriose eliminando le guarnizioni indigeste, gli ornamenti pesanti e le aggiunte inutili.
Fece la prima grande esperienza nelle cucine del Moulin Rouge, il famose ristorante degli Champs-Elysées, poi al quartier generale dell'Armata del Reno, allo stato maggiore del maresciallo MacMahon, alla direzione delle cucine del Savoy a Londra, successivamente al Ritz di Parigi, e infine nel ristorante di sua proprietà a Cannes (che aprì a soli 30 anni ) Le Faisan Doré.
Fece cambiamenti rivoluzionari nell'organizzazione degli alberghi, della cucina e nell'arte di preparare e cuocere i cibi. Fondò nel 1884 la rivista L'Art culinaire (che viene ancora pubblicata, con il nome La Revue culinaire).
Creativo e innovatore, Escoffier fu autore di ricette conosciute in tutto il mondo. 
La sua Salade Andalouse è un'insalata di peperoni e pomodori con il riso, semplice, ma nello stesso tempo molto estiva e io ho seguito la ricetta introducendo minuscole variazioni che ho indicato fra parentesi. 
Ho immaginato di portare la Salade Andalouse fuori dalle mura domestiche, sulla spiaggia o in un prato, per questo l'ho messa in barattolo e l'ho resa da asporto 😉.

mercoledì 24 maggio 2017

Lasagne al pesto

Qualche giorno fa ho fatto "visita" ai cassetti del mio surgelatore, perchè "metti dentro e tira fuori", ci sono dei mini pacchetti che finiscono sempre dietro a qualcosa di più grande con il  rischio di scordarmeli, proprio come stava succedendo a del pesto che avevo preparato a inizio autunno  con le ultime foglie di basilico coltivato sul mio balcone.
Dovevo rimediare al più presto ma non avevo voglia della solita pasta al pesto, quindi mi sono messa in cerca di ispirazione e mi sono imbattuta in questo piatto sul sito della Galbani che mi ha fatto accendere la lampadina: lasagne al pesto, un secolo che non le preparo!!!
Ho introdotto alcune modifiche alla ricetta sostituendo il formaggio indicato (il galbanino) con la crescenza senza lattosio molto digeribile ed indicata anche per gli intolleranti al lattosio, così come  la besciamella che ho preparato con il latte delattosato.
Le lasagne al pesto sono una ricetta originale e semplice da preparare a base di strati di sfoglie di pasta all'uovo (che potrete acquistare già pronte all'uso o, come ho fatto io, prepararle in casa), con l'aggiunta di besciamella e pesto alla genovese e che, a piacere, è possibile arricchire con formaggio come la provola o la crescenza o il fiordilatte.
La lasagna al pesto è un primo piatto al forno davvero gustoso, ideale in ogni occasione, conosciuto anche con il nome di Lasagne alla Portofino e si presenta come un'alternativa alle classiche lasagne al forno con ragù alla bolognese o a quelle napoletane.
Le lasagne hanno un’origine antichissima, ne parla per la prima volta Apicio in quello che può essere considerato il primo testo culinario della penisola, il “De re coquinaria” cioè “L’arte culinaria”, infatti  pare che fossero il piatto preferito da Cicerone, perché, per la loro morbidezza, poteva mangiarle anche in età avanzata… 
Come dicevo prima, ho portato in tavola delle lasagne al pesto senza lattosio e arricchite con dei pinoli a fine cottura, morbide, gustose, di facile esecuzione e molto comode, in quanto si possono preparare in anticipo. 
Andando verso la stagione calda, si sa che non fa piacere accendere il forno all'ora di pranzo, ma queste lasagne le potete preparare al mattino presto, quando anche il basilico è fresco e vi permetterà di preparare un pesto profumato e, all'ora di pranzo, non dovrete far altro che apparecchiare la tavola, magari per le più fortunate in giardino o su una bella terrazza 😎

lunedì 22 maggio 2017

Biscotti con carote e uvetta

Questa settimana, Light and Tasty si occupa di carote. A chi non piacciono le carote? Forse mi sbaglio ma credo sia la verdura più amata anche dai bambini.
Ricordo mio figlio che le sgranocchiava imitando Bugs Bunny, il famoso coniglio grigio dei Looney Tunes 😊
Quando pensiamo alla carota ci viene in mente quella di colore arancione, ma in realtà ne esistono di diversi colori: bianco, viola, rosso e giallo. 
Le prime carote coltivate in Medio Oriente erano viola, solo in seguito, nel 700 circa in Olanda, furono selezionate le carote arancioni. Attualmente la varietà di carota viola è stata recuperata ed è ritenuta molto pregiata per le sue caratteristiche nutrizionali, sembra anche migliori rispetto a quelle della più comune carota arancione
Tante sono le proprietà delle carote: sono antiossidanti (rallenta l'invecchiamento), sono amiche della pelle (la idrata e la protegge dai raggi UV) e della vista, blocca la dissenteria, aiuta a ridurre i livelli di colesterolo e sembra che aiuti la secrezione del latte materno.
Ricche di betacarotene, se consumate in grandi quantità possono pigmentare la pelle di colore giallastro.
Le carote si consumano sia cotte che crude e vengono usate anche in pasticceria, famosa è la torta di carote e io, da brava golosona, ho preparato dei biscotti senza uova e senza lattosio. Non ho tritato finemente le carote per avere i "puntini" arancione all'interno del biscotto.
Di facile esecuzione, sono indicati anche per i bambini per una merenda diversa.

lunedì 15 maggio 2017

Torta di yogurt con farina di riso e sambuco

Buongiorno e bentrovate! Eccoci ad un nuovo appuntamento con Light and Tasty, ma oggi avremo un ingrediente particolare: la farina di riso. Perchè particolare? Perchè ci porta nel mondo del gluten free, ossia di tutti quegli alimenti che sono senza glutine e indicati per chi soffre di celiachia.
La Celiachia è una infiammazione cronica dell'intestino tenue, scatenata dall'ingestione di glutine in soggetti geneticamente predisposti ed è un'intolleranza permanente.
La cura è l'eliminazione del glutine e di conseguenza di tutti gli alimenti che lo contengono.
La farina di riso si ottiene dalla macinazione del riso ed è senza glutine.
Rispetto alla farina di frumento, la farina di riso ha una prevalenza di amidi rispetto alle proteine e grassi e una minore quantità di fibra alimentare.
Vediamo ora come ho utilizzato la farina di riso... 
Ieri era la Festa della mamma ed io ho preparato una torta (e ti pareva 😄) con la farina di riso e lo yogurt al sambuco e lime e ho aggiunto dei fiori di sambuco secchi. 
Vorrei ricordare che ogni ingrediente deve essere senza glutine per cui anche il lievito per dolci e lo yogurt devono essere sicuri.

venerdì 12 maggio 2017

Biscotti al cocco e avena

I fiocchi d'avena non mancano mai in casa mia, mi piacciono troppo e ogni occasione è buona per "infilarli" in qualche piatto e questa volta sono finiti dentro a dei biscottoni.
Questi biscotti sono particolari. Dolci, ma non dolciastri, molto simili alle barrette, ma d'un buono.....persino mio marito che, appena visti ha storto il naso, si è ricreduto e li ha apprezzati (e anche finiti, ma non ditelo a nessuno!).
Sono molto veloci sia da fare che da cuocere,  per cui anche chi è sempre di corsa può prepararli senza sporcare diecimila cucchiai o ciotole e godersi un biscottone per togliere la voglia di dolce 😉
Io li ho fatti rotondi, ma niente vi impedisce di farli a rettangolo, più grandi o più piccoli, tagliati a coltello dopo la cottura, insomma sfogatevi 😄


lunedì 8 maggio 2017

Riso integrale alla curcuma con piselli e mandorle

Buongiorno! Oggi Light and Tasty si occupa dei piselli.
Ricchi di vitamine C, acido folico e vitamina B6 i piselli sono alleati dell’apparato cardiocircolatorio e aiutano a mantenere bassi i livelli di colesterolo.
I piselli contengono anche molto potassio che fa bene ai muscoli e li rende diuretici. 
Il colore verde vivace è dato dalle alte percentuali di clorofilla che stimolano l’organismo a produrre globuli rossi e quindi porta benefici al sistema immunitario.
I piselli si possono acquistare freschi o secchi, ma anche surgelati o in barattolo precotti. Quando si decide di acquistare piselli freschi si deve fare attenzione alla buccia che deve presentarsi brillante e croccante e non ingiallita ed è meglio scegliere quelli non troppo grandi per evitare che il frutto in essi contenuto sia duro. 
Una volta acquistati si possono conservare in frigo qualche giorno e vanno sgusciati solo al momento dell’utilizzo perché la buccia del frutto tende facilmente ad indurire.
Per questa ricetta sono partita da un'idea per terminare con una ricetta del tutto diversa 😄
Volevo fare un contorno di piselli, poi ho visto la curcuma nel mobiletto e l'ho messa sul tavolo, quindi nel sistemare un ripiano ho visto il pacchetto del riso integrale e da lì l'idea del riso integrale alla curcuma, insomma dal contorno sono arrivata al primo 😊 

venerdì 5 maggio 2017

Riso al latte con le fragole

Sull'onda del tema del riso del Club del 27 e dopo il successo (in casa mia 😄) del kheer rice pudding mi sono buttata in un altro riso al latte e questa volta l'ho servito con le fragole. Che bontà! 
Io rimango sempre dell'idea che sia meglio mangiarlo più sul caldo che sul freddo, infatti mentre raffredda si compatta un pò e io lo preferisco più cremoso.
Un dolce al cucchiaio che farà felice anche i bambini, per una colazione o una merenda diversa.
Passo subito alla ricetta, devo portare fuori la mia pelosetta cercando di non prendere l'acqua anche oggi. Ieri ci siamo inzuppate tutte e due 😔
E speriamo che prima o poi questo tempo metta giudizio e arrivi finalmente la primavera.

mercoledì 3 maggio 2017

Tortino di acciughe al forno con pinoli

Buongiorno! Questa settimana arriviamo con un pò di ritardo in quanto c'erano altri impegni di uscite per alcune di noi, ma da lunedì tutto torna come al solito 😊
Argomento di Light and Tasty di questa settimana è l'acciuga.
L'acciuga, o alice, è un pesce azzurro diffuso in tutto il Mediterraneo. Simile alla sardina ha però un corpo più sottile e più affusolato, in età adulta raggiunge i 15-20 cm di lunghezza.
L'acciuga è un alimento proteico di ottima qualità e contiene acidi grassi polinsaturi (Omega 3), è ricca di vitamine del gruppo B ed E e minerali in special modo il selenio che è importante per la funzione tiroidea. 
Purtroppo chi soffre di gotta deve privarsene a causa delle purine, così come gli ipertesi devono limitare il consumo di acciughe sotto sale.
Le acciughe potrebbero contenere un parassita, l'anisakis, che va eliminato con la cottura o il congelamento.
La mia ricetta è nata dopo aver aperto frigorifero e armadietto. L'unico acquisto sono state le acciughe.
Non riesco nemmeno a scrivere le dosi precise, in quanto ho pesato poco o niente, diciamo che è una ricetta/suggerimento così anche chi vorrà cimentarsi nella preparazione (e spero che siano tante a rifare questo tortino) possa andare a "gusto" 😉


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...